Stato d'assedio

Foto

“La rilevanza simbolica e ideologica delle politiche dell’asilo ha ricevuto una conferma, se fosse necessaria, con una mossa del governo Meloni nel marzo del 2023: dopo la tragedia del naufragio nelle acque di Cutro, sulla costa ionica della Calabria, con la perdita di oltre novanta vite umane, oltre a una trentina di dispersi, ha organizzato un teatrale Consiglio dei Ministri nel posto e varato un decreto il cui obiettivo annunciato doveva essere quello di scongiurare il ripetersi di eventi del genere. Il decreto ha invece stabilito delle maggiori aperture all’immigrazione per lavoro, assecondando le richieste delle organizzazioni imprenditoriali, mentre sul fronte dell’asilo ha ristretto le possibilità di ingresso e di accoglienza. La timida apertura ai lavoratori è stata presentata come la risposta alle crisi umanitarie, malgrado vari paesi in guerra, come Siria, Afghanistan, Somalia, non rientrino tra i beneficiari delle risicate quote d’ingresso”

(dall’introduzione del testo)

MAURIZIO AMBROSINI è docente di Sociologia delle migrazioni all’Università degli Studi di Milano. Insegna da diversi anni all’università di Nizza e dal 2019 nella sede italiana della Stanford University. È responsabile scientifico del Centro studi Medì (Migrazioni nel Mediterraneo) di Genova, dove dirige la rivista «Mondi migranti» e la Scuola estiva di Sociologia delle migrazioni. Collabora con «Avvenire» e con lavoce.info. Da luglio 2017 fa parte del CNEL, dove è responsabile dell’organismo di coordinamento delle politiche per l’integrazione dei cittadini stranieri.

IL NOSTRO PUNTO DI VISTA SUL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE

Torino, 10 ottobre 1968

Chiarissimo signor Naouri,
ho letto le poesie della Resistenza palestinese da Lei gentilmente inviatemi. Mi paiono poeti d’una grande forza espressiva, pieni di sincero calore poetico e umano.
La cosa migliore sarebbe trovare una rivista che pubblicasse queste poesie. Proverò a rivolgermi a qualche amico che possa presentarle a una rivista. Naturalmente, in noi europei il dramma dei palestinesi perseguitati ha una speciale risonanza perché i loro attuali persecutori hanno sofferto – in loro o nelle loro famiglie – persecuzioni tra le più atroci e inumane sotto il nazismo e anche molto prima, per secoli e secoli. Che i perseguitati d’un tempo si siano trasformati in oppressori è per noi il fatto più drammatico, quello su cui ci sembra più necessario far leva. Mi dispiace che nessuno di questi poeti tratti questo motivo.
lo personalmente vedo la sola soluzione del problema palestinese nella via rivoluzionaria tanto nel mondo arabo quanto nelle masse israeliane. Rivoluzione degli israeliani poveri (e in larga maggioranza d’origine mediorientale e nordafricana) contro i loro governanti colonialisti ed espansionisti; ma anche rivoluzione delle masse popolari dei paesi arabi contro le oligarchie reazionarie e militariste (anche se si dicono più o meno socialiste) che sfruttano il problema palestinese per demagogia nazionalista. La vera Resistenza non è soltanto lotta contro un invasore esterno: dev’essere lotta per un rinnovamento profondo della società nel proprio paese.
Volevo chiarirle il mio pensiero per confermare la mia solidarietà con gli oppressi e i resistenti palestinesi nel quadro di una visione politica e umana generale.
La ringrazio molto e saluto con viva cordialità.


L’estensore di questa lettera non è un pericoloso rivoluzionario, ma ITALO CALVINO, in risposta allo scrittore giordano Issa I. Naouri (in “Lettere 1940-1985”, Mondadori 2023).
Le sue parole, che condividiamo del tutto, sono state riprese nel documento a fianco, distribuito in tutta Italia dai giovani dei Circoli Operai di Lotta Comunista.
Alleghiamo volentieri, tra l’altro, l’intervento fatto a nome dei giovani del Circolo Operaio di Livorno in occasione della manifestazione del Primo Maggio tenutasi presso la Sala Conferenze del Palazzo dei Portuali.

Facciamo chiarezza

Resistenti-Dissidenti

(…)”Correnti di pensiero rivoluzionarie sono sempre esistite, invece, nella sinistra italiana; già presenti, anche se soffocate, negli anni del fascismo, emergono nella stagione della resistenza e del dopoguerra, in opposizione alla politica compromissoria del P.C.I. e del C.L.N., offrendo, pur tra mille ingenuità ed errori politici, contributi autonomi e coerenti. Le vicende di questi movimenti sono state pressoché ignorate dagli storici, di qualunque ideologia politica; nell’esporle, cerchiamo di rompere un silenzio durato quarant’anni.”
Così scriveva Maurizio Lampronti nella prefazione al suo libro “L’altra Resistenza, l’altra opposizione”, uscito per le Edizioni Lalli nel 1984.
Dai fatti narrati nel suo libro, sono passati altri 40 anni in cui quel “silenzio” è stato rotto soltanto da storici militanti che, coerentemente, hanno cercato di ricostruire una storia altrimenti lasciata in mano alla narrazione retorica che vede la Resistenza soltanto come un movimento di liberazione nazionale.
Partendo anche da storie come quella raccontata da Ilic e Roberto Aiardi nel libro “Agguato a Montechiaro. Considerazioni sulla morte del comandante partigiano Silvano Fedi” (CDP Edizioni 2015) cerchiamo di riportare alla luce le vicende di quegli uomini e quelle donne che dettero vita ad una Resistenza “altra”, opponendosi, al capitalismo in ogni sua forma.


Jerry Essan Masslo

Il 21 marzo si celebra in tutto il mondo la “Giornata mondiale contro ogni forma di razzismo e di discriminazione” a ricordo della strage di Sharpeville (Sudafrica), dove persero la vita, sotto il fuoco della polizia, 70 manifestanti che protestavano contro le leggi razziste dell’ apartheid. A noi non piacciono molto le “giornate dedicate a…”, per motivi che sarebbe qui lungo spiegare, ma questo giorno, il 21 marzo, appunto, ha assunto un significato particolare per un barbaro omicidio compiuto a Villa Literno oltre 30 anni fa. Era infatti il 21 marzo del 1988 quando Jerry Essan Masslo metteva piede per la prima volta in Italia, arrivando proprio dal Sudafrica. La sua storia è raccontata nel filmato che ci ha segnalato il Centro Pasquale Martignetti e crediamo valga la pena di essere conosciuta.

Jerry Essan Masslo.mp4


Balduini

Clara-Zetkin

Video

Gianna Manzini

Foto


Volontariato anarchico
Darwin Day

Video


GIORNO DELLA MEMORIA

La rivolta nel ghetto di Vasavia.mp4


A DIECI ANNI DAL NAUFRAGIO DI LAMPEDUSA

Segnaliamo questo interessante filmato che abbiamo ricevuto dal Centro Pasquale Martignetti. Contro le bugie sfrontate sui migranti, diamo la parola ai numeri.

Le bugie sull’immigrazione.mp4


Raccolta di giocattoli

Il Centro Filippo Buonarroti Toscana, per il quarto anno consecutivo, aderisce all’iniziativa di solidarietà promossa dai volontari del Circolo Operaio di Livorno “Giocattoli senza frontiere”.

Dall’ 11 al 20 dicembre, ore 15.30 – 17.30, presso il Circolo Operaio in Via degli Scali della Dogana d’Acqua 23, saranno raccolti giocattoli e libri per bambini: il materiale, se usato, dovrà ovviamente essere in buone condizioni.

La consegna avverrà VENERDI’ 22 DICEMBRE dalle 15.00 alle 19.00 presso il Circolo Arci Divo Demi, Piazza Ferrucci 14.


A DIECI ANNI DAL NAUFRAGIO DI LAMPEDUSA

Foto Video

“Ho provato ma non ci riesco. Non riesco a dire immigrato clandestino. (…)
Perchè? Perché migrazione è un termine naturale. Le migrazioni esistono in natura, lasciano tracce di sé in ogni ecosistema. (…)
La clandestinità, invece, è un concetto artificiale, inventato dall’uomo che sempre si arroga il diritto di includere ed escludere; un’ecchimosi dovuta alla violenza che permea le società edificate sull’ io, invece che sul noi. (…)

(Dalla postfazione di Fabio Geda al libro “La vita ti sia lieve” di Alessandra Ballerini – ZOLFO Editore 2023)


A DIECI ANNI DAL NAUFRAGIO DI LAMPEDUSA (3 OTTOBRE 2013 – CIRCA 400 VITTIME)


VARSAVIA 1943 - PER NON DIMENTICARE

Foto

VARSAVIA 1943 - PER NON DIMENTICARE

Slides: Il ghetto di Varsarvia.pptx

Assemblea Lavoratori Migranti - Livorno

Foto

SEBASTIANO TIMPANARO - L’INQUIETUDINE DELLA RICERCA

Video Foto


Il  gruppo antireligioso Pietro Gori

Foto

Volontariato anarchico e socialista ai tempi del colera
INVERNO DEMOGRAFICO E FLUSSI MIGRATORI”
E FLUSSI MIGRATORI

Video Foto

L’ALTRA RESISTENZA: L’opposizione internazionalista al nazi-fascismo e allo stalinismo

Video Pubblicazioni

MENU
©2018 Centro Filippo Buonarroti Toscana
Sede: Via degli Scali della Dogana D'Acqua, 23, 57122 Livorno
Tel. 3487673992